Progetti

Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.
– Tiziano Terzani

La fotografia è uno strumento per osservare il nostro mondo e documentarne la storia.
Ogni progetto di reportage nasce da una domanda e da un desiderio di conoscenza. Dopo letture, ricerche e riflessioni arriva la fotografia che visualizza i pensieri attraverso oggetti, situazioni, paesaggi, persone.

Sarajevo

Sarajevo: una città ai confini dell’Europa

È una domenica di settembre e le persone passeggiano nel centro della città. Sono tante, diverse e lo scenario in cui si muovono è composito: mercato arabo, palazzi asburgici, edifici moderni; si passa dalla vivacità delle città medio orientali all’eleganza maestosa dell’archittettura mitteleuropea alla quieta razionalità delle costruzioni recenti.
Nei quartieri popolari i condomini in stile yugo ricordano le promesse di sviluppo economico e sociale dell’epoca comunista; accanto a questi, si elevano nuovi e alti edifici, centri commerciali e negozi che parlano dell’auspicato benessere economico.
Sarajevo è oriente e occidente, passato e presente, varietà e molteplicità.

(tratto dal libro “Sarajevo una città ai confini dell’Europa” di Francesca Breda e Alberto Sfoggia)

Don Milani

La parola ci fa eguali

Don Lorenzo Milani, priore di Barbiana, ad oltre quarant’anni dalla sua morte fa ancora discutere dentro e fuori la chiesa.
Confinato in una piccola cittadina del Mugello per le sue posizioni fuori dal coro, questo grande educatore ha rivoluzionato il modo di insegnare. Credeva che la conoscenza fosse uno strumento fondamentale di emancipazione e per questo desiderava renderla disponibile per tutti, in particolare per i più poveri che non riuscivano ad accedere alla scuola pubblica.

Nella scuola da lui fondata, la scuola di Barbiana, per 365 giorni all’anno i suoi allievi seguivano lezioni di tutte le materie, appassionati e grati a questo prete che ha speso tutta la sua vita per loro, fino alla morte.

La scuola di Don Milani non è morta con lui bensì continua ad essere ispirazione e modello per educatori, insegnanti e cittadini grazie alla forza del suo messaggio e all’opera dei suoi ex allievi che contribuiscono a mantenere vivo lo spirito del suo fondatore.

Giavera del Montello

Un paese: Giavera del Montello

Il tempo passa, cambiano le persone, cambiano i paesi. Ma difficilmente ciò che è passato scompare, come se non fosse mai esistito. Nel territorio rimangono tracce di ciò che è stato: percorsi, costruzioni, abitudini…tutti segni che, avvolti da un non so che di mistero e malinconia, ci permettono di leggere la nostra storia.

Questo reportage è stato realizzato in collaborazione con il fotografo Ivo Saglietti e si colloca all’interno di un progetto di documentazione del territorio svolto nel 2012 con l’associazione fotografica Civico 21 di Spresiano.

Luzzara

Un giorno a Luzzara

Ecco la cittadina emiliana sulla sponda del Po’, terra natale di Cesare Zavattini, fotografata da Paul Strand, Gianni Berengo Gardin, Stephen Shore e tanti altri. Uno sguardo su Luzzara oggi, per vedere come vive il piccolo paese divenuto forse inconsapevolmente meta del viaggio di alcuni tra i più grandi fotografi al mondo.